Il disegno del bimbo prigioniero al centro della riflessione di Alessandro