« Indietro

Ho paura. Paura che non impareremo mai dai nostri errori e questo si scagli come un boomerang in futuro contro bambini innocenti. Evitare orrori tali conoscendo sempre di più. Ciò che conosci non può ferirti (Nur)

In questo viaggio la domanda più frequente è “Come?”. Come un uomo a tavolino possa ideare tutto ciò. Come sia possibile che un padre prima baci suo figlio e poi ne bruci un altro solo per un “difetto”. La storia insegna, ma siamo noi a far sì che il passato non si riproponga. (Andrea)

Forse sono proprio i campi di sterminio come questo che colpiscono e feriscono. Sono queste le cose che hanno tolto la vita a tanti milioni di persone. È inspiegabile pensare a come tutto ciò può essere accaduto…è tanta la rabbia e il dispiacere. (Maicol)

Fila di immagini prive di identità che scorrono veloci a fianco di migliaia di visitatori.

Urla di sguardi spaventosamente eloquenti che invocano aiuto.

Bocche serrate come porte del passato.

Labbra intrise di finta felicità.

Pensieri costanti ed inutili speranze.

Acri odori non riconoscibili. (Roberto, Mauro, Federica)

Un viaggio del genere mi ha fatto capire che c’è differenza tra studiare sui banchi di scuola ciò che è successo negli anni passati e vedere con i propri occhi i luoghi in cui è avvenuto questo orrore. (Liliana)

“Senza passato non esiste futuro”. Queste sono state le parole che mi hanno colpito della signora Liliana, una donna sopravvissuta a questo massacro. Nulla ti fa capire cosa significa veramente vivere queste atrocità meglio delle parole di persone sopravvissute alla strage. (Daniele)

È una lezione di vita molto importante, non so se tutti abbiano capito. Insegna a non ripetere gli errori del passato. Come si poteva evitare l’inevitabile? Non possiamo cambiare il passato ma dobbiamo provare a cambiare il futuro. (Otilia)

Arduo come scalare una montagna piena di emozioni indescrivibili, come dolore, sofferenza ma soprattutto poca empatia…tra urla e pianti di bambini ed anziani che morirono in quegli istanti. (Simone)


Le ragazze e i ragazzi della 5F Istituto A.Motti

Cari compagni di viaggio… (Parte 2)
Camminare per conoscere fra le vestigia del passato