« Indietro

“Coloro che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo”
La visita ai campi di sterminio ti sconvolge la vita, ti cambia, ti segna, vedi con i tuoi occhi e tocchi con mano la strage che hanno vissuto bambini, donne e uomini prigionieri dei nazisti. Questo porta a vedere le cose in modo diverso, capisci che se piangi ebrei, rom e polacchi morti non devi discriminare gli ebrei, i rom e i polacchi vivi; ti rendi conto che nel 2019 si ripetono gli stessi errori del ‘900.
TUTTI dovrebbero vivere quest’esperienza, conoscere ed essere consapevoli dello scempio accaduto.
TUTTI devono combattere contro il razzismo o qualsiasi tipo di discriminazione.
TUTTI devono volere la pace.
NESSUNO deve permettere che qualcuno possa decidere della vita e della morte di un bambino innocente, di una donna e di un uomo la cui unica colpa è la provenienza.

Classe 4E, Istituto Filippo Re, Bus 16

Gli stessi errori
Alla commemorazione finale, a pensare agli errori di ieri e pure a quelli di oggi.