« Indietro

Che cosa ha suscitato in noi Auschwitz? Sconforto. In particolare gli occhi dei prigionieri che nel block 5 esprimevano differenti emozioni.
Alcuni sembravano seguirci con lo sguardo come in cerca di aiuto, come se noi potessimo fare ancora qualcosa per loro.
Altri esprimevano la paura per il loro futuro ignoto, ma sicuramente pieno di sofferenze. Negli occhi di alcune donne c’era la rassegnazione per aver perso ogni dignità.
Altre foto ritraevano uomini che avevano conservato lo sguardo deciso e la determinazione a non perdere la propria umanità.
Quegli sguardi resteranno indelebili nelle nostre menti.

Martina Bertani, Sara Tataranno, Emanuela Cosentina, Elena Dazzi e Alice Orsetti – classe 4°, Istituto Chierici

Indelebili
I fiori bianchi, omaggio individuale e collettivo a quegli sguardi rimasti nelle nostre menti.