« Indietro

In preparazione al Viaggio della Memoria 2019, poseremo in provincia di Reggio Emilia alcune Pietre d’Inciampo, aderendo così a questo monumento diffuso che si sta costruendo in tutta l’Europa. Si invitano i concittadini, studenti, genitori, parenti o amici, a partecipare alla posa di 9 pietre in ricordo dei nostri vicini di casa, deportati, perseguitati, terrorizzati, uccisi nei Lager nazisti.

Il momento pubblico della posa è anche un momento di presa di coscienza, di presa di posizione, e di riconoscimento nei confronti di un vicino di casa portato via. Siete invitati ad inciampare insieme a noi in queste ingiustizie, in queste memorie reggiane, in queste storie di vita.

Venerdì 18 gennaio 2019

Ci troviamo alle ore 13.00 a Sant’Ilario per la posa
alla casa di Arnaldo Pastarini a Calerno, Via XXV luglio (Via Emilia)
ore 13.30 partenza per la posa di altre Pietre d’Inciampo a Toano
Scarica il volantino della posa a Sant’Ilario

Alle ore 15.00 ci troviamo a Toano
, per posare 3 pietre
ore 15.00 posa al borgo di Aurelio Righi e Lino Righi, Cerredolo di Toano – località La Corbella
ore 15.30 partenza in auto
ore 16.00 arrivo alla casa di Romano Righi, Cerredolo di Toano – località Cisana ore 16.30 fine dell’iniziativa
L’iniziativa si concluderà alle ore 16.30.
Scarica il volantino e mappa delle pose a Toano

 

Sabato 19 gennaio 2018

Ci troviamo alle ore 09.00 a Cavriago, per posare 5 pietre
ore 09.00 incontro davanti al municipio vecchio di Cavriago, piazza Angelo Zanti
ore 09.15 posa alla casa di Vittorio Mariani, Via Campofiori n. 6
ore 10.00 posa alla casa di Enea Pozzi, Piazzaletto Garibaldi n. 11
ore 10.30 posa alla casa di Mario Vincenzo Gualerzi, Via Roncaglio n. 21
ore 11.15 posa alla casa di Giovanni Bernuzzi, Via Quercioli n. 7
ore 11.45 posa alla casa di Umberto Montanari, Piazza Mazzini n. 1
L’iniziativa si concluderà alle ore 12.00.
Scarica il volantino e mappa delle pose a Cavriago

Invito ad inciampare: posa di Pietre d’inciampo il 18 e 19 gennaio 2019
Posa della Pietra d'inciampo per Rolando Rosi nel 2018