Non vogliamo raccontarvi la storia, quella dovremmo già conoscerla tutti.
Il senso di vuoto è incolmabile, l’aria pesante, la difficoltà nel respirare; vedere tutto questo nei film non è come viverlo.
La storia che ci viene insegnata a scuola è ben diversa da ciò che abbiamo toccato con mano.
Ci sono persone che immaginano l’inferno come un regno di fuoco e lava; crediamo che questa, invece, sia la cosa che si avvicina di più a quelle fiamme, ed è stata creata sulla terra, da uomini per distruggerne altri.
Siamo testimoni di una storia che non possiamo dimenticare, dobbiamo cercare di comprendere, di fare nostro tutto ciò, in modo da evitare che la storia si ripeta così da portare questa narrazione forte e chiara alle generazioni future.
La speranza è che questi luoghi restino per sempre dei memoriali e non si trasformino in banali attrazioni di turismo commerciale, vuoti e senza sentimenti.
Luoghi veri.
Viviamo pensando al futuro, preoccupandoci per cose che nella realtà dei fatti sono futili; dimenticandoci di tutte le persone che sono state deportate qui, indipendentemente dalla motivazione.
Non avevano alcuna sicurezza; nemmeno quella di averlo un domani.
La consapevolezza di ciò che è successo porta gratitudine, e il senso di vuoto a voler ricordare.

5T e 5S Istituto Mandela

 

Un garofano bianco per la memoria, Foto Istoreco

Un garofano bianco per la memoria, Foto Istoreco