Coloro che vengono deportati nei campi di concentramento sono stati trattati nelle condizioni disumane, paragonabili agli animali, pertanto vengono messi nelle stalle per dormire. Oltre alle condizioni, le loro potenziali utilità vengono sfruttate come se fossero degli animali, oltre dei lavori forzati, i loro cappelli vengono rasati e usati per fare dei calzini e dei tappeti, che rispecchia le lane rasate dalle pecore. Queste prove della tragedia vengono ritrovate e conservate al museo statale di Auschwitz Birkenau, dopo la liberazione del campo, oltre ai cappelli, vennero trovati anche cumuli di vestiti, scarpe, valigie, oggetti metallici di uso quotidiano: dalle pentole alle forbici.

Xu Xiaohao – Classe 5F, Istituto Scaruffi

 

Gli attrezzi accumulati al campo di Auschwitz, resti delle vittime sterminate

Gli attrezzi accumulati al campo di Auschwitz, resti delle vittime sterminate