La condanna.
Il campo condanna a morte la maggior parte degli internati, ma per i sopravvissuti la condanna consiste in una vita per sempre segnata da questa terribile esperienza.
In entrambi i casi non vi è via di scampo per chi oltrepassa l’insegna “arbeit macht frei”, se si riesce a scampare la morte fisica si va in contro a quella dell’anima.

Iris Coriani – Classe 5E, Istituto Gobetti 

 

Ingresso di Auschwitz I, Foto I. Coriano

Ingresso di Auschwitz I, Foto I. Coriano