L’esperienza che tutti noi studenti abbiamo fatto in quest’ultima settimana e indescrivibile, poiché non ci sono parole per descrivere le emozioni provate.
Abbiamo cercato di esprimere tutte quelle emozioni che da dietro ai banchi non erano mai passate.
Sono state esperienze surreali a cui fatichiamo a credere, un pugno nello stomaco, angoscia al pensiero che ci possa essere così tanto odio nel mondo
Così tanto odio da fare una cosa simile ad un altro essere umano… anzi tanti esseri umani.
E stata un’esperienza toccante che ci ha dato la possibilità di vedere con i nostri occhi la dura realtà del passato che poi così passato non è.
Ed è proprio questo lo scopo di “non dimenticare”
“Loro speravano che qualcuno li salvasse mentre intorno c’era solo indifferenza”
Quello che noi come esseri umani e futuro di questo mondo abbiamo il dovere di fare è impedire che succeda di nuovo.
C’è ancora tanta indifferenza intorno a noi ed è questo lo scopo del nostro viaggio:
Quello di imparare
Quello di unirci
Quello di non ripetere
Come disse Augusto Daolio
“Ogni azione della nostra vita, anche la più piccola, è responsabile della bellezza o bruttezza del mondo”
Per questo tutte le volte che abbiamo la possibilità di scegliere, scegliamo il meglio, scegliamo il giusto anche se i problemi apparentemente non ci toccano per creare un mondo migliore per tutti noi.
Ci teniamo a ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile e che ci hanno accompagnato in questo triste ma bellissimo viaggio che è stato anche un’ottima occasione per conoscerci meglio e imparare a convivere con altre persone con esigenze differenti dalle nostre, abbiamo imparato a convivere con il diverso e ad apprezzarlo cosa che in passato non è sempre stato facile fare.
Non dimentichiamo per non ripetere

Aurora e Sveva – Classi 4A e 4D, Convitto Corso Correggio

 

Le classi del Corso varcano il cancello di Auschwitz

Le classi del Corso varcano il cancello di Auschwitz