Questa foto mi ha tramesso angoscia nel vedere tutti quei piccoli vestiti, quei volti di ragazzi così giovani per cui, secondo i nazisti, l’unico fine era sperimentare sui loro corpi come se fossero topi di laboratorio. Ogni volta che sentivo storie sui bambini, mi salivano i brividi, mi veniva la nausea. Inoltre la loro inconsapevolezza in tutto ciò che accadeva riportava me un senso di vuoto.

Sara Vergori – Classe 5G, Istituto Tricolore

La foto che ricorda le giovanissime vittime degli esperti genetici nazisti a Auschwitz.

La foto che ricorda le giovanissime vittime degli esperti genetici nazisti a Auschwitz.